PARCO TERMALE

Molte persone visitano Dobrna per questo motivo. In estate, ci affascina con la sua naturale freschezza e refrigerio, che è completamente diverso dall’aria condizionata artificiale. È il dono principale di Dobrna, la sua preziosa perla, l’insostituibile patrimonio naturale. I parchi sono l’immagine di una volontà umana di regolare la natura e Dobrna è stata tra le prime stazioni termali che hanno avuto il loro parco.

Gli inizi del Parco della salute di Dobrna risalgono all’anno 1820, quando il proprietario di allora delle terme, il conte Ksaverij Kajetan di Diernsberg, fece piantare un viale di castagni.

Con una linea diretta, ha collegato la casa di cura con Dobrna. A nord di quell’asse c’era il terreno agricolo di Novak, che, attraverso la sua attività di ristorazione, attirava gli ospiti delle terme; a sud dell’asse, il prato si trasformava lentamente nella foresta. Tra il vicolo e il sentiero a nord c’era inizialmente una zona erbosa, che era attraversata solo dal torrente termale, o Topličica, come lo chiamano oggi gli abitanti del posto. Già nei decenni successivi, nel parco iniziarono ad essere coltivate le piantagioni. Gli anni 1847-1848 furono decisivi, quando il conte Hoyos prese le redini del posto di cura. I gruppi arborei sono completati da arbusti ornamentali, compaiono nuovi percorsi e luoghi di riposo. In particolare, gli alberi, contrassegnati in modo esemplare, sono speciali in questo parco e offrono al visitatore una ricca conoscenza botanica. Il parco è dominato da castagni selvatici, ma ci sono anche acero autunnale, betulla, sigaro, thuja gigante, faggio rosso, abete rosso, platano, pioppo bianco, acero, quercia inglese, taxus, thuja americana, cicuta orientale. Il pioppo bianco vicino al sanatorio ha una circonferenza del tronco di 515 cm ed è al terzo posto tra i pioppi conosciuti in Slovenia, seguito dal platano di Švicarija, con una circonferenza di 464 cm, mentre la thuja gigante al centro del parco vanta una circonferenza di 280 cm. Il vivace torrente Topliški potok è naturalmente incluso nel parco. Il parco è dotato di panchine per il riposo, vi si trova anche un padiglione più piccolo, per sedersi in compagnia o per giocare a carte. In tempi moderni è stato affiancato anche dal parco giochi per bambini, mentre sul bordo meridionale si trova un campo da tennis. Il parco, nella parte meridionale e settentrionale, passa nel bosco naturale di conifere, dove è predisposto un percorso di jogging.

Il ruscello Dobrnica scorre attraverso la zona, che si trova per la prima volta sulle mappe con questo nome presso il mlin Zlodejev a Parož, dove si incontrano Šumečnica e Kačnica. Lo si conosce meglio facendo una passeggiata verso il Graben di Hudičev. Vi rilasserete con il suo flusso vivace e i suoi suoni piacevoli e sarete sorpresi dalla ricca flora sulle sue rive.

Torna su

Il sito web utilizza i cookies per garantire una migliore esperienza agli utenti e per raccogliere informazioni statistiche sull’uso del sito.

X